fbpx

Per la Prima Edizione dell’Executive Master in Data Management & Business Analytics, Oneydata ha messo in palio un Premio di Studio del valore di 4000€ che è stato assegnato al termine del percorso formativo.

I partecipanti si sono divisi in tre gruppi e, a partire da un Database messo a disposizione dall’azienda, hanno costruito dei progetti per trarre informazioni preziose per il business e sfruttarle al meglio.

Dopo la presentazione avvenuta in Aula, un comitato ha valutato attentamente i progetti e ha assegnato il premio al Project Work Insight Customer Analysis.

Tra i membri del gruppo vincitore, abbiamo già intervistato Donatella Santagata, ora lasciamo la parola a Chiara ParisSenior Software Developer, globetrotter e detentrice di un Dottorato di ricerca in Fisica Teorica.

Ognuno di voi ha avuto motivazioni diverse per scegliere il Master DMBA, che si accompagnavano ad aspettative differenti. Quali sono le cose più importanti che hai appreso in Aula?

La prima volta che mi sono imbattuta nel mondo della Data Analytics è stato circa 4 anni fa, durante il mio Dottorato di Ricerca in Fisica a Londra. Quando sono tornata in Italia sapevo già che nel mondo non accademico, avere la possibilità di lavorare su modelli e mole di dati sarebbe stata la scelta più in linea con la mia formazione. Pian piano ci sto riuscendo e il Master DMBA ha contribuito molto in questo!

Quali sono gli strumenti (teorici o pratici) che hai trovato più importanti nella realizzazione del vostro progetto?

Sono molto soddisfatta di aver colmato, durante il Master, molte mie lacune dal punto di vista del Business e del Data Management. Ascoltare le esperienze di professionisti con anni di esperienza nel settore è stato sicuramente altamente formante e stimolante. Anche se di base sono una “smanettona” di codice own-made, ho trovato molto interessanti i workshop basati sull’utilizzo di software commerciali, soprattutto per la parte di AI.  

Un gruppo davvero eterogeneo, il vostro, per quanto riguarda i settori lavorativi di provenienza, le competenze… quanto è stato utile essere diversi e qual è la cosa più importante che hai imparato gli uni dagli altri?

Eterogeneo si ma molto affiatato! Ci siamo trovati sin da subito caratterialmente e questo è stato certamente il punto di forza che ci ha permesso di lavorare divertendoci e in completa serenità. Ognuno di noi ha contribuito nel suo; chi con competenze più tecniche chi con quelle più legate al business . Ovviamente non sono mancate competenze di team building e team leader 🙂

Alcuni di voi hanno cambiato la propria vita lavorativa durante quest’anno: chi con un nuovo lavoro, chi entrando a far parte di nuovi team dell’azienda per cui lavora, altri ci stanno pensando su. Come credi ti sia stato utile il Master nell’agevolare questi cambiamenti o nel darti una spinta a cercare nuove strade per il futuro?

Certamente ha contribuito a cambiare (migliorare) la mia condizione lavorativa nell’azienda in cui lavoro attualmente. A due mesi dalla fine del Master, mi è stato comunicato l’avanzamento di ruolo a Senior Software Developer e lo spostamento nella business unit dei  dei Big Data.

Richiedi la Ricerca

Indagine sul livello di adozione e utilizzo dell'Intelligenza Artificiale in Italia

Privacy Policy

You have Successfully Subscribed!